fbpx

Nasce, o meglio, ri-nasce un nuovo marchio automobilistico Made in Sweden: POLESTAR

La Polestar è la divisione sportiva della casa automobilistica svedese Volvo. È specializzata nella produzione di automobili elettriche ad alte prestazioni.

Fu fondata nel 1996 ed era nota in passato come preparatrice delle Volvo da corsa e ad alte prestazioni, ma nel 2015 diventò un ramo diretto di Volvo per poi, nel 2017, annunciare l’intenzione di voler lanciare la produzione di una gamma auto elettriche ad alte prestazioni a marchio POLESTAR.

Nel 2017 è stata presentata la prima auto, la Polestar 1, che ha un motore ibrido plug-in da 4 cilindri, 1969 di cilindrata e ben 600 CV che su un motore ibrido hanno una spinta incredibile: 1000 Nm di coppia. Inoltre, è equipaggiata con una batteria da 34 kWh (46 CVh), che ha un’autonomia di 150 km in modalità full electric.

L’assemblaggio di queste auto è iniziato adesso, a metà 2019, quindi i tempi di consegna per chi ha iniziato ad ordinarle (alla modica cifra di € 140.000) sono ancora lunghi.

Le linee sono inconfondibilmente Volvo, quindi o le si ama o le si odia, ma senza dubbio l’eleganza di questa auto è unica, anche se un po’ in contrasto con l’anima sportiva.

La coupé adotta soluzioni tecniche che dovrebbero migliorare la reattività dell’auto nonostante i pesi e gli ingombri esterni come l’asse posteriore sterzante e le sospensioni a controllo elettronico sviluppate dallo specialista Öhlins.

La Polestar 1 è lunga 450 cm e fa largo uso della fibra di carbonio, leggero e resistente materiale utilizzato per la carrozzeria, per tutta la struttura del tetto e anche come rinforzo per il pianale nella zona tra l’abitacolo e il baule, così da conferire al telaio una maggiore rigidità torsionale e rendere l’auto più precisa. La fibra di carbonio, stando alla Polestar, promette un risparmio di peso nell’ordine dei 230 kg rispetto ad un’analoga costruzione in acciaio.

Insomma, una degna rivale dell’americana Tesla.

Inoltre, quest’anno debutterà anche la Polestar 2, una vettura elettrica di medie dimensioni, a cui farà seguito anche un SUV elettrico chiamato Polestar 3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *